Salute, Scienza/Ambiente

Alla scoperta del melograno e delle sue proprietà

La melagrana è il frutto del melograno

La melagrana è il frutto del melograno

Si è parlato in questi giorni di un frutto che se consumato in giuste dosi può difendere l’organismo umano da diverse malattie tra cui quelle cardiovascoloari e sarebbe essere anche un ottimo antitumorale.
Iniziamo con ordine, partiamo da un excursus botanico della pianta fino ad arrivare al consumo prelibato del frutto.
È una pianta appartenente alla famiglia delle Punicaceae, genere Punica famiglia P. granatum, originaria dell’Asia Occidentale. Predilige climi miti, ma può essere coltivato anche in zone in il clima vigente è quello fresco.
Il melograno è una pianta resistente all’arido estivo e alle temperature invernali tipiche del Mediterraneo; in tali condizioni è straordinariamente resistente ad ogni tipo di malattia. In ambiente inadatto, eccessivamente umido o piovoso, in estate è soggetto a marciumi radicali. In ambiente ben drenato resiste agevolmente a -10 °C, (14 °F). Quindi il terreno deve essere ben drenato e profondo con una moderata concimazione. Utilizzata in genere come pianta ornamentale.
Le foglie sono opposte, lucide, strette ed allungate, larghe 2 cm e lunghe 4-7 cm.
I fiori sono di un vivo colore rosso, di circa 3 cm di diametro hanno 3 – 4 petali.
IL frutto è una bacca grande quanto una mela chiamata Balausta con buccia molto dura e coriacea, ha forma rotonda o leggermente allungata con diametro da 5 a 12 cm. È costituito da diverse partizioni interne robuste che svolgono funzione di placentazione ai semi, detti arilli separati da una membrana detta cica. Il colore dei semi varia dal bianco al rosso rubino, polpa succosa leggermente aspra.
Dal punto di vista qualitativo il melograno è ricchissimo di antiossidanti, vitamina C (un solo melograno ne contiene quasi il 20% dell’intero fabbisogno giornalieri di un uomo adulto), vitamina K, vitamine B, proteine e carboidrati. Il melograno inoltre è ricco di diversi minerali tra cui potassio, ferro, calcio, magnesio, fosforo e, in misura minore, manganese e zinco. Il melograno ha poche calorie: circa 60 Kcal per 100 grammi di prodotto.
Nella seguente tabella sono riportate le proprietà positive e le contro indicazioni di questo frutto.

MELOGRANO

PROPRIETÀ POSITIVE

PROPRIETÀ NEGATIVE

Malattie Cardiovascolari:

il suo succo può agire come anticoagulante riducendo il rischio di arteriosclerosi, svolge un’azione di prevenzione nelle malattie cardiovascolari, riduce il colesterolo LDL.

Il consumo eccessivo di può provocare una intossicazione. Gli effetti collaterali in questi casi sono: vertigini, cefalea, sonnolenza e difficoltà respiratoria.

Malattie gastro-intestinali:

aiuta a combattere emorroidi, nausea e parassiti intestinali, diarrea ed è un ottimo lassativo

Anemia mediterranea:

L’elevata quantità di ferro presente nel melograno aumenta i livelli di emoglobina nel sangue e aiuta a ridurre l’anemia.

Antitumorale:

Grazie alla presenza di tannini e polifenoli, è un potente antitumorale, riducendo i radicali liberi. In particolare sono stati rilevati effetti contrastanti il tumore al seno e alla prostata. Le antocianine contenute nel succo proteggono dai danni da raggi UV, una delle cause principali del cancro alla pelle.

Alzheimer:

Recenti studi hanno dimostrato che bere un bicchiere di succo di melograno tutti i giorni regala un effetto barriera sullo sviluppo dell’alzheimer.

Un tocco di bellezza:

Grazie agli antiossidanti e le vitamine presenti, il melograno rallenta i processi di invecchiamento cellulare e riduce l’iperpigmentazione, macchie di età e rughe. Il succo di melograno è anche un valido aiuto in caso di acne e pelle grassa. Per la sua efficacia nella cura estetica il melograno rientra in molti cosmetici per la pelle e i capelli.

Demetrio Ieracitano

9 dicembre 2015


Potrebbe interessarti anche

Demetrio Ieracitano

Agronomo iscritto presso l'Ordine dei dottori Agronomi e dottori Forestali di Reggio Calabria, specializzato in agronomia, è docente di Chimica agraria presso gli istituti di istruzione superiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.