Cicloturismo

Trekking & bike, binomio vincente

Cicloturismo /15

foto (1)Si è svolta domenica 29 dicembre u.s. l’escursione naturalistica organizzata dal gruppo Sport4fun di San Calogero, guidato dall’Amico Marco Galati. Escursioni queste che mirano alla riscoperta del territorio che non manca certo di punti paesaggistici di straordinaria bellezza.
Nell’ambito del programma “I Sentieri della Memoria”, ideato dalla Associazione San Calogerese, sono inseriti i percorsi del nostro territorio meritevoli di particolare attenzione, ed in questi si inserisce la passeggiata naturalistica che con partenza da San Calogero ha come metà la splendida chiesetta della Santa Croce nel territorio di Motta Filocastro.
foto (6)Un escursione di particolare importanza che ha visto insieme gli amanti del trekking e gli amanti della Mountain Bike che hanno voluto trascorrere una giornata di sana amicizia e di puro sport.
La bellezza del nostro territorio regala agli amanti della natura spunti paesaggistici di notevole bellezza cosi come il percorso che conduce alla chiesetta della Santa Croce. La chiesa di monte di S. Croce prende il nome dal colle sul quale sorge e dove anticamente vennero reperiti una croce e dei ruderi sacri. La facciata della chiesa è semplicissima con portale inserito in una struttura muraria leggermente aggettante. Sull’altare è stato sistemato un crocefisso portato intorno alla metà del XX sec. Da Madre Giovanna F.sca Ferrari, fondatrice dell’ordine francescane del verbo incarnato.
foto (7)Motta possiede una croce d’argento del XVI sec. Finemente lavorata, alta 50 cm ed ancora molto bene conservata nonostante le vicissitudini. Essa fu regalata alla chiesa dai Pignateli, i feudatari che possedevano a quell’epoca gran parte del sud-Italia, in occasione del matrimonio di un figlio del duca.
Per molti anni è stato ignorato il suo valore e veniva conservata in sacrestia. Quando fu consegnata al vescovo di Mileto che la fece esaminare, si è scoperto trattasi di uno dei soli tre esemplari esistenti al mondo; da allora la croce è stata portata in varie città d’Europa per essere esposta insieme alle altre due simili che si trovano in Spagna. Motta Filocastro l’ha potuta avere in occasione della festa della S. Croce il 3 Maggio. La croce d’argento è scolpita su tutte e due le facciate dal maestro di Longobucco. foto (8)Su una facciata si trova al centro l’agnello simbolo di cristo, alle estremità dei bracci i simboli dei quattro evangelisti: in alto l’aquila, simbolo di S. Giovanni, a sinistra il leone, simbolo di S. Marco, alla base l’angelo simbolo di S. Matteo e a destra il toro simbolo di San Luca. Sull’altra facciata si nota la mancanza di Gesù Crocifisso, smarrito in circostanze sconosciute… Ai lati ci sono la Madonna e San Giovanni , ai piedi un teschio, simbolo della morte e in cima un angelo con le braccia protese in atto di accogliere Gesù.
Un’ escursione alla quale hanno partecipato numerosi escursionisti che si sono fatti catturare dai pascoli erbosi e dagli ulivi secolari incontrati lungo tutto il percorso.
Al gruppo si sono uniti anche i Bikers di San Calogero, gli amici di “Bicinsieme – Paesaggi in Movimento” di San Costantino Calabro e i ragazzi della sempre attiva Associazione Culturale “Il Tocco” di Motta Filocastro, ragazzi che hanno accolto gli escursionisti presso la Santa Croce, un posto panoramico dal quale è stato possibile ammirare paesaggi incantevoli.

 

Raffaele Mancuso

14 Gennaio 2014


Potrebbe interessarti anche

Raffaele Mancuso

Membro delle forze dell'ordine nella Polizia di Stato, è fondatore e attuale presidente dell'associazione sportiva dilettantistica Atletica San Costantino calabro. Ha scritto articoli di vario genere per il sito internet www.tropeaedintorni.it. Si occupa di sport, tradizioni ed eventi locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.